IL FOTBALL ARRIVA IN ITALIA

Forse non molti, neppure tra gli "storici" del campionato italiano di Fotball Americano, sanno che le prime basi di uno sbarco nel nostro Paese della "palla lunga un piede" sono state gettate proprio a Genova.

Gia' nel 1972 infatti un gruppo di amici (tra i quali il noto rugbysta Marco Bollesan, il giornalista RAI Aldo De Martino, il vicepresidente del'Inter Giuseppe Prisco e il presidente della Federazione Italiana Baseball Bruno Beneck) si riunì in una trattoria del capoluogo ligure e decise di fondare la Federazione Italiana di Football Americano (FIFA). L'inizio non e' facile e, bocciato l'ingresso nel Coni anche per l'ostilita' della Federazione Rugby, si decise di rinviare l'inizio dell'attivita' agonistica per le prime sqaudre appena create (Grifoni Genova, Tori Torino, Diavoli Milano, Lupi Roma, Veltri Bologna).

I tempi pero' non erano maturi, e anche la NFL non si dimostro' disponibile a favorire lo sviluppo della loro disciplina in un paese cosi' lontano. Qualche anno dopo la svolta, grazie al texano Bob Kapp che fondo' la "Intercontinental Fotball League" col proposito di portare il football in Europa: il primo club professionistico italiano furono i Gladiators Roma di Beneck. Ancora una volta, però, il progetto naufragò scontrandosi con le autorità sporive del Vecchio Continente...

La pietra però era stata lanciata, e oltre ai film "made in USA" adesso anche i giornali sportivi italiani iniziano ad interessarsi a questa nuova e spettacolare disciplina: nasce il progetto di una sfida tra "quotidiani" (Corriere dello Sport - Lupi Roma, Gazzetta dello Sport - Diavoli Milano, Tuttosport - Tori Torino, Stadio - Veltri Bologna). La prima partita "vera" in Italia si giocò a Marina di Massa il 6 agosto 1977, e davanti a un gran pubblico i Diavoli sconfissero i Lupi 36-12. Per la cronaca il torneo, disputato in gran parte da giocatori americani di stanza nelle basi NATO italiane, fu poi vinto dai Tori.

Nel 1980 nacque così la Lega Italiana Football (LIF) che, grazie ai fondi ora messi a disposizione anche dalla NFL, realizzerà a Castelgiorgio (TR) il primo stadio europeo dedicato al Football. In quell'impianto ("Stadio Vince Lombardi") si disputarono tutte le partite del primo campionato, che vide imporsi i Lupi nell'ordine su Tori, Diavoli e Gladiatori.

L'anno seguente si decise di portare il gioco anche sui campi di altre città (i Diavoli si trasferirono a Pavullo, vicino Modena e i Tori giocarono finalmente al Motovelodromo di Torino), ma anche questa iniziativa era destinata a fallire: mancavano infatti le fondamenta per far crescere una disciplina finora basata esclusivamente sul continuo aiuto degli americani. Quello del 1981 fu il secondo e ultimo campionato targato "LIF".

"JOHNNY" COLOMBO E IL BOOM

Parallelamente a tutto ciò, un'altra organizzazione stava lavorando per divulgare il football nel nostro Paese, puntando sulla passione di ragazzi italiani, con pochissimi aiuti e mezzi di fortuna. La prima squadra nacque a Piacenza nel 1978, in seguito al torneo di Massa dell'anno precedente, con il nome di "Pantere Rosa". Non passò molto tempo che un albergatore milanese con la passione dello sport, Giovanni Colombo, trasferì la squadra a Milano cambiandole denominazione: nacquero così i "mitici" Rhinos!

Da allora lo sviluppo fu frenetico e travolgente: le prime squadre a seguire l'esempio milanese furono i Frogs, nati e sviluppati tra Gallarate e Busto Arsizio, i Rams (in origine Black Devils) ancora a Milano, i Giaguari a Torino e le Aquile a Ferrara.

Già nel 1978 i Rhinos presero parte al campionato "Basi NATO" giungendo sesti (su sei...!) ma con una storica vittoria, non ripetuta nel '79 (quinti su cinque). Nel 1980 oltre alle formazioni americane e ai Rhinos (quarti con un record di 4-4) parteciparono anche i Frogs (sesti, 0-8) e i Rams (settimi, 0-4).

Ormai era nata l'Associazione Italiana Football Americano (AIFA) e tutto era pronto per il I Campionato Italiano nel 1981: la "regular season" vide trionfare i Rhinos (8-0) sui Frogs (5-3), quindi Rams (4-4), Giaguari (3-5) e Aquile (0-8). Il "richiamo delle origini" si fece sentire per il primo Superbowl: forse memori del primo tentativo di importare il F.A. effettuato a Genova quasi un decennio prima, si decise di disputare la finale a Santa Margherita Ligure (GE) il 4 luglio 1981. Davanti a circa 2500 persone i Rhinos si imposero sui Frogs per 24-8.

Nel 1982 alle cinque squadre fondatrici (ricordate tuttora con le cinque stelle nello stemma della Fedrazione) se ne aggiunsero altre 7 (Grizzlies Roma, Warriors Bologna, Seamen Milano, Mastini Ivrea, Falchi Modena, Redskins Verona e Tauri Torino), ma la finale fu la replica dell'anno precedente: a Pesaro (8000 spetatori) i Rhinos superarono i Frogs per 11 - 0.

 

articolo ripreso dal sito http://forzasquali.altervista.org/ 


Informazioni legali | Privacy | Sitemap
irishmassa@alice.it massimiliano 3287452593